I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 04/11/2013

All'indirizzo http://dirittodifamiglia.diritto.it/docs/5090087-cassazione-nessun-mantenimento-se-il-figlio-maggiorenne-in-grado-di-lavorare?source=1&tipo=news

Autori:

Cassazione: nessun mantenimento se il figlio maggiorenne è in grado di lavorare

Cassazione: nessun mantenimento se il figlio maggiorenne è in grado di lavorare

Pubblicato in Sentenze il 04/11/2013

Cassazione: nessun mantenimento se il figlio maggiorenne è in grado di lavorare Lucia Nacciarone
Anche se in passato ha effettuato lavori di tipo meramente saltuario.
A deciderlo è la Cassazione con l’ordinanza n. 24515 del 30 ottobre 2013 che ha confermato il venire meno dell’assegno di mantenimento di euro 1200 mensili a carico del padre divorziato, come già era stato fatto in sede di merito, sulla base del fatto che le figlie, maggiorenni, avevano espletato un’attività lavorativa, seppure discontinua, ma attestante quantomeno il possesso di capacità idonee per immettersi nel mondo del lavoro.
La retribuzione già percepita, avvisano i giudici di legittimità, testimonia la suddetta capacità, e perciò esclude l’obbligo a carico del genitore.
«Il diritto del coniuge di ottenere un assegno per il mantenimento del figlio maggiorenne convivente è da escludere quando quest’ultimo, ancorchè allo stato non autosufficiente economicamente, abbia in passato iniziato ad espletare un’attività lavorativa, così dimostrando il raggiungimento di un’adeguata capacità e determinando la cessazione del corrispondente obbligo di mantenimento da parte del genitore senza che assuma rilievo il sopravvenire di circostanze ulteriori le quali, se pur determinano l’effetto di renderlo privo di sostentamento economico, non possono far risorgere un obbligo di mantenimento i cui presupposti siano già venuti meno».
Inoltre, nel caso di specie, proseguono i giudici, non si era verificato alcun incremento di reddito per il padre  tale da giustificare il mantenimento
del suo obbligo di contribuzione e addirittura il suo aumento quando, invece, la sua capacità di spesa era notevolmente diminuita a seguito della nascita di un figlio dal suo secondo matrimonio.
 

Libro in evidenza

LAVORO 2013

LAVORO 2013


Il presente Manuale analizza ed approfondisce con taglio pratico tutta la disciplina del rapporto di lavoro nelle sue diverse fasi, costituzione, svolgimento ed estinzione e nei suoi vari aspetti civili, previdenziali e fiscali, sempre alla luce dei principali provvedimenti normativi. Esamina...

94.00 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli