I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 29/06/2016

All'indirizzo http://dirittodifamiglia.diritto.it/docs/38344-separazione-consensuale-e-decorrenza-del-termine-per-divorziare-il-dies-a-quo-in-caso-di-negoziazione-assistita

Autori: Tommaseo Ferruccio, DS redazione

Separazione consensuale e decorrenza del termine per divorziare. Il dies a quo in caso di negoziazione assistita

Separazione consensuale e decorrenza del termine per divorziare. Il dies a quo in caso di negoziazione assistita

Pubblicato in Diritto civile e commerciale il 29/06/2016

Autori

50338 Tommaseo Ferruccio
49983 DS redazione
Pagina: 1 2 di 2

Separazione consensuale e decorrenza del termine per divorziare. Il dies a quo in caso di negoziazione assistita Separazione consensuale e termine
Delicata si presenta la questione della decorrenza del ter­mine semestrale, una questione da tempo risolta dalla legge sul divorzio per quanto riguarda la decorrenza del termine (olim triennale) nell’ipotesi di un divorzio chiesto in sede giudiziale da coniugi separati consensualmente. Il n. 2 dell’art. 3, legge div., anche se non contiene una regola esplicita, farebbe intendere che il termine triennale, ora divenuto semestrale, decorre da quando “è stata omologata la separazione consensuale”, una regola che va coordinata con quanto dispone l’art. 158, comma 1, c.c., per il quale la separazione per il solo consenso dei coniugi “non ha effetto senza l’omolo­gazione del coniuge”.
Tuttavia, secondo l’opinione prevalente, il termine triennale decorreva non dalla data dell’omologazione avvenuta ad opera del tribunale in camera di consiglio, bensì dalla data di svolgimento dell’udienza presidenziale nella quale i coniugi hanno sottoscritto il processo verbale in cui si dà atto del consenso a separarsi e delle condizioni che riguardano loro stessi e la prole. Un’opzione interpretativa questa che trovava il proprio fondamento nell’esigen­za di armonizzare, su questo specifico punto, la disciplina della separazione consensuale con quella della separazione giudiziale.
Infatti, mentre per quest’ultima la legge è esplicita nello stabilire che il termine dilatorio per domandare il divorzio debba decorrere “a far tempo dell’avvenuta comparizione dei coniugi innanzi
al presidente del tribunale”, senza prendere in considerazione il momento in cui la separazione è passata in giudicato, nulla è specificato per la separazione consensuale. Questo con­sente all’interprete di non prendere in considerazione, ai fini del decorso del termine, il momento in cui il tribunale in camera di consiglio ha omologato la separazione consensuale bensì, anche per quest’ultima, la data dell’udien­za presidenziale: in conclusione, sia nella separazione giudiziale sia nella consensuale acquista determinante rilievo, come hanno affermato i giudici di legittimità, “la formale constatazione della volontà dei coniugi di cessare la convivenza”.
È interessante notare come questa equiparazione funzionale tra l’udienza presidenziale della separazione giudiziale e quella della separazione consen­suale, trovi puntuale riscontro nelle nuove norme della legge sul c.d. “divorzio breve”: mi riferisco a quanto dispone l’art. 2 della legge che, modificando quanto dispone l’art. 191 c.c., stabilisce che “in

Libro in evidenza

Negoziazione assistita nella separazione e divorzio

Negoziazione assistita nella separazione e divorzio


Il testo, aggiornato al DIVORZIO BREVE, illustra nel dettaglio la negoziazione assistita dagli avvocati nell’ambito della separazione e divorzio. Esamina anche la procedura che si svolge davanti all’uf- ficiale di stato civile. Con un pratico FORMULARIO si vogliono offrire gli strumenti...

32.00 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

“in caso di separazione persona­le” (sic) la comunione legale fra i coniugi si scioglie nel momento in cui il presidente autorizza i coniugi a vivere separati e, nel caso della separazione
consensuale, “alla data di sottoscrizione del processo verbale di separazione dei coniugi dinanzi al presidente, purché omologato”.
 
La questione del dies a quo in caso di negoziazione assistita dagli avvocati
Queste regole e i problemi interpretativi a cui ora si è fatto cenno riguardano prevalentemente le ipotesi nelle quali il divorzio è chiesto da coniugi separati consensualmente e non anche quando la loro separazione sia effetto di un accordo raggiunto in sede di negoziazione assistita o ricevuto dal sindaco quale ufficiale dello stato civile.
L’individuazione del dies a quo di decorrenza del termine semestrale dipende, con tutta evidenza, dal momento in cui l’accordo di separazione diventa efficace e questo per l’ovvia constatazione che nel suo procedimento formativo non esistono momenti in cui l’eventuale separazione di fatto possa acquistare giuridica rilevanza.
Già la legge sulla “degiurisdizionalizzazione”, che ha dato ingresso a forme sostitutive dei giudizi di crisi coniugale, ha dato una prima risposta con lo stabilire che la domanda di divorzio può essere proposta decorso il termine, allora, di almeno tre anni decorrente “dalla data certificata nell’accordo di separazione raggiunto a seguito di negoziazione assistita da un avvocato” ov­vero ancora “dalla data dell’atto contenente l’accordo di separazione concluso innanzi all’ufficiale dello stato civile”.
Per iniziare da questa seconda ipotesi, definitivamente disciplinata dall’art. 12 della legge n. 162 del 2014, con una norma trasfusa nell’art. 3, legge div., non sorgono dubbi sull’individuazione del giorno di decorrenza del termine, essendo tale quello in cui i coniugi hanno concluso davanti al sindaco un accordo di separazione o di divorzio. Una constatazione questa che non può essere
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di civile


Libri correlati

Articoli correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli