I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 12/02/2016

All'indirizzo http://dirittodifamiglia.diritto.it/docs/37810-il-fondo-patrimoniale-uno-strumento-a-tutela-della-famiglia

Autore: Laura Citroni

Il fondo patrimoniale: uno strumento a tutela della famiglia

Il fondo patrimoniale: uno strumento a tutela della famiglia

Pubblicato in Diritto civile e commerciale il 12/02/2016

Autore

50161 Laura Citroni
Pagina: 1 2 di 2

Con la recente Riforma della Giustizia (Decreto Legge 83/2015) è stato modificato il regime del fondo patrimoniale: istituto per la salvaguardia una parte di patrimonio da eventuali debiti futuri, vincolandolo al soddisfacimento dei soli interessi della famiglia.
Introdotto per la prima volta dalla riforma del diritto di famiglia del 1975, il fondo patrimoniale è un vincolo di destinazione posto nell’interesse del nucleo familiare su un complesso di beni determinati (immobili, mobili registrati o titoli di credito) destinati in questo modo unicamente al soddisfacimento dei diritti di mantenimento, assistenza e contribuzione derivanti dalla famiglia stessa. Si costituisce generalmente con atto pubblico ed è disciplinato dagli articoli 167 – 171 del codice civile.
Per la creazione un fondo patrimoniale è necessario essere sposati. Il matrimonio è infatti condizione per la sua esistenza ed il fondo patrimoniale viene meno per annullamento, scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio. Se si è in presenza di figli minori inoltre, si estingue al compimento del loro diciottesimo anno d’età. Il fondo patrimoniale infatti, potrebbe essere un’utile strumento per destinare, ad esempio, un appartamento al nascituro, garantendogli l’esistenza dell’immobile e, se locato, l’accantonamento dell’eventuale somma dei canoni riscossi sino alla sua maggiore età.
Se il vincolo di destinazione ricade su un appartamento, l’eventuale canone di locazione riscosso è utilizzabile per qualsiasi fine?
E’ possibile affittare un immobile vincolato tramite il fondo patrimoniale, ma sul canone di locazione riscosso ricadrà il medesimo vincolo di destinazione. Questo significa che tale somma di denaro non potrà essere utilizzata per scopi estranei all’interesse per il quale il fondo è stato creato. Nel caso in cui il fondo patrimoniale sia stato creato per il nascituro, potrà essere utilizzato ad esempio per versare le rate della scuola al bimbo.
Per affittare, o vendere, l’appartamento inoltre (trattandosi di un atto di straordinaria amministrazione) sarà necessario il consenso di entrambi i coniugi. In caso di rifiuto di uno dei due, l’altro coniuge potrà ricorrere al giudice purché dimostri che l’affitto o la vendita sono nell’interesse della famiglia. In presenza di figli minori è sempre necessario chiedere l’autorizzazione.
Il fondo patrimoniale può essere costituito da un solo coniuge, entrambi o anche da

Libro in evidenza

Le nuove discipline della separazione e del divorzio

Le nuove discipline della separazione e del divorzio


Le nuove discipline della separazione e del divorzio, così come delineate dal D.L. 12 SETTEMBRE 2014, N. 132 (conv. con mod. in L. 10 novembre 2014, n. 162) e dalla L. 6 MAGGIO 2015, N. 55, costituiscono lĊĊapprodo normativo, forse non...

26.00 € 20.80 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

da terzo benefattore della coppia. Possono essere vincolati tutti i beni che permettono la “pubblicità del vincolo”, ovvero lo strumento che, mediante l’annotazione del vincolo su appositi registri pubblici, permette di presumere che chiunque ne sia a conoscenza.  
In altre parole, la costituzione del fondo patrimoniale e le sue eventuali modifiche devono essere annotati  sia a margine dell’atto di matrimonio e se imposto a beni immobili e mobili, dovrà essere annotato rispettivamente nei registri immobiliari e mobiliari. Per i titoli di credito bisognerà effettuare l’annotazione del vincolo sul documento. Tale forma di pubblicità rende il fondo patrimoniale opponibile ai creditori che vogliano acquistare diritti sullo stesso. In altre parole, rendendo conoscibile a chiunque la presenza del vincolo sul bene, si crea quella difesa rafforzata che tutela il fondo patrimoniale da eventuali creditori futuri.
Cosa avviene se un bene facente parte del fondo è stato ipotecato prima della creazione del vincolo? In un caso del genere è meglio evitare di inserire nel fondo un immobile già ipotecato, perché in tal caso sopravvivendo l’ipoteca, nei confronti della banca, il vincolo del fondo non avrà alcun effetto.
Cosa succede ai debiti contratti dopo la creazione del fondo?
In questo caso bisogna distinguere tra i debiti che sono stati contratti dopo la costituzione del fondo patrimoniale per scopi inerenti all’interesse della famiglia e quelli che hanno avuto origine da scopi extra-familiari.
I primi, come quelli che riguardano il mantenimento dei beni oggetto del fondo stesso, non troveranno ostacolo. Se il fondo è costituito da un appartamento sito in un condominio, nella prima categoria rientrano anche i debiti derivanti dalle spese condominiali. Significa che il Condominio ed il suo amministratore, se muniti di titolo esecutivo potranno sicuramente pignorare l’immobile per recuperare il credito.
I secondi sono debiti
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di civile


Libri correlati

Articoli correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli